martedì 6 settembre 2011

BABA' primo tentativo

"Il babà è una cosa seria"diceva Marisa Laurito in una sua canzone.
E'proprio vero, saper fare il babà è veramente una cosa seria,infatti
sono conscia che vi dovrò lavorare parecchio per arrivare ad un risultato
soddisfacente:"ma io so capatosta".

Il babà non nasce a Napoli come molti sostengono,bensì in Polonia.
La storia rivela che la sua origine venga attribuita ai pasticceri
del re Stanislao Leszezinski che per soddisfare la perenne golosità
del re e non sapendo cosa altro inventarsi,decisero di intingere nel rum
l'oramai ripropinato dolce kugelhupf. Tale dolce da un lato si presentava come estremamente raffinato. Infatti
si otteneva dalla miscelazione di :ottima farina, burro, uova,lievito ed uvetta. Ma dall'altro risultava un pò asciutto al palato.

La seguente ricetta, appartiene al signor Continisio, ritenuto da tutte noi blogger
il nostro "Maestro", e aggiungo: "persona degna di stima"

Ingredienti:
350gr farina manitoba
75gr burro
5 uova medie
2 cucchiai di zucchero
15gr lievito di birra fresco
6gr di sale

Bagna:
bollire 5cl di acqua con 350gr di zucchero e qualche zesta
di limone o arancia,dopo aggiungere 1cl di rum

Preparazione:
Preparare un lievitino con 30gr di acqua,25gr di farina,il lievito
lasciamo raddopiare.
Nellimpastatrice mettiamo metà della farina rimasta,un uovo e con la
frusta iniziamo il nostro impasto,avendo cura di aggiungere un altro
uovo quando l'altro si è amalgamato,continuando con farina,uova,zucchero,
e con l'ultimo uovo il sale.Incordiamo bene il nostro impasto,perchè
questo processo ci darà il risultato finale.Infine aggiungiamo il burro
morbido,un po alla volta,poi sostituiamo la frusta con il gancio,ribaltiamo
l'impasto,e quando l'impasto pulisce la ciotola vuol dire che è pronto.
A questo punto rovesciamo l'impasto in una ciotola imburrata,copriamo,fino a che
è triplicato di volume.Adesso possiamo fare un unico babà grande oppure
piccoli stampini,ovviamente non ci dimentichiamo di imburrarli perbene.
Lasciamo lievitare i babà che pero non devono superare il bordo,altrimenti
in cottura straborderebbero.Inforniamo per 30m a 180G.
Quando si sono raffreddati si inzuppano nellacqua e rum.
Potete farcirli con dell'ottima crema pasticcera e poi lucidarli
con della gelatina di albicocca sciolta in qualche cucchiaio di acqua.




4 commenti:

  1. si propio nu babà, bravissima

    RispondiElimina
  2. Sei capatosta e fai bene...in cucina e nella vita MAI ABBATERSI!!!! tesoro hai fatto altri tentativi??? se puoi rispodermi via e-mail ti ringrazio, bacio!!!!!!!!!! ;-))

    RispondiElimina
  3. da noi i babà sono sempre inzuppati di liquore fino all'inverosimile, mentre quando li ho mangiati a napoli ho scoperto un dolce completamente diverso da quello che conoscevo io, con pochissimo rum e soffice come una nuvola... ne esistono diverse versioni o è che proprio non li sappiamo fare???
    ^_^
    roberta

    RispondiElimina

Cerca nel blog