venerdì 24 febbraio 2012

Pane con farina di farro e finocchietti.

Che mi piaccia panificare è oramai risaputo,ma quello che mi pace di più è vedere la mia famiglia che assapora il mio pane ,cercando di capire quali farine io abbia utilizzate. In effetti devo dire con mia grande soddisfazione che in casa mia si mangia molto volentieri il pane integrale, ed è importante introdurre l'uso quotidiano di cereali nella nostra dieta.
Questa volta mi sono cimentata nella preparazione di un pane con una percentuale di farina di farro,
e per la lievitazione ho adoperato un pò di pasta di riporto ;l'aggiunta di un pò di finocchietto l'ha reso ancora più rustico. E' stato un vero successo ,l'abbiamo divorato con gusto.

Ingredienti :

pasta di riporto 200gr
farina "0" 200gr
farina di farro 150gr
semola rimacinata 150gr
acqua 350gr
sale 10gr
malto d'orzo 1 cucchiaino
olio evo 3 cucchiai
finocchietti 15gr

Preparazione:

nell'impastatrice mettere l'acqua con il malto ,aggiungere le farine ,avviare e con la foglia far lavorare l'impasto per 10m,aggiungere il sale ,impastare per altri 5m ,mettere la pasta di riporto , sostituire il gancio , inserire i finocchietti e  l'olio  e impastare per altri 5m. Trasferire l'impasto sulla spianatoia  ,lavorare  cercando di portare i lembi al centro.Coprire con una terrina ,dopo 20m dare una piega a portafogli ed un'altra piega in verticale,
coprire e dopo venti minuti ripetere l'operazione delle pieghe.Dopo mezz'ora ,formare il filone e metterlo su di un canovaccio pulito e spolverato con un po di semola rimacinata ,coprire  e mettere in un luogo tiepido a lievitare per almeno 4 ore. Accendere il forno a 250° , infornare e dopo 10m abbassare la temperatura a 180° far cuocere per altri 50m circa.Far raffreddare il pane in verticale a forno spento ; gustatelo con quello che più vi aggrada .Ha detto mio marito che si può gustare anche da solo perchè è troppo buono.
Buona serata a tutti...

12 commenti:

  1. Buono! con i finocchietti poi è più che buono, delizioso! ;-)

    RispondiElimina
  2. Non l'ho mai provato dev'essere buona questo pane . L'aspetto è invitante!

    RispondiElimina
  3. che bello!chissà che buono!!!baci!

    RispondiElimina
  4. Cara Melania mi auguro che tu stia un pochino meglio!!!Si vede che ami panificare perche' i tuoi pani sono sempre cosi' belli e sanno sempre di buono e di casa!!!Un bacione grande!!!

    RispondiElimina
  5. Quanto vorrei abitare vicino a te!!!!! Correrei ogni volta per gustare anche solo una fetta di ogni tipo di pane che le tue dolci mani sfornano...Sei troppo brava Melania e capisco la tua passione per la panificazione...rilassa e distrae...Ti abbraccio forte!!!!!

    RispondiElimina
  6. Questa sera il maritino è arrivato con la nuova impastatrice... non mi ferma più nessuno! Naturalmente tu sarai il mio punto di riferimento principale! Un bacio e buon fine settimana, Babi

    RispondiElimina
  7. io amo fare il pane a mano, perchè impastare mi rilassa da morire!!
    ma la pasta di riporto è quella utilizzata per fare il pane la volta prima?mi è nuovo questo termine c'è sempre da imparare da voi panettiere brave e fantasiose, mi piacerebbe fare un pane come il tuo! a me viene abbastanza bene perchè seguo la vecchia ricetta di mia nonna e lo cuocio nel forno a legna ,ma nn mi azzardo ad andare oltre, sono tanto timorosa col pane, chissà perché?
    bacioni

    RispondiElimina
  8. Però non è facile....per te invece si, SEI BRAVISSIMA!!!

    RispondiElimina
  9. Melania ma ti e' lievitato benissimo! poi chissa che profumo con il finocchietto! brava! un abbraccio spero che tu stia un po' meglio...

    RispondiElimina
  10. Ma lo sai che presa dalla mia smania di provare sempre qualcosa che non ho mai fatto... avevo comprato una confezione di farina di farro... Però ancora sta nella dispensa. Mi sa che è arrivato il momento di inaugurarla!!! Non ho il finocchietto, ma tanti altri semini... quasi quasi mi butto! Questa è la reazione vedendo il tuo pane!!! Baci

    RispondiElimina
  11. e' favolosissimo questo pane!

    RispondiElimina

Cerca nel blog